responsabilità sociale o di certificazione di prodotto e  l’utilizzo di sistemi di sicurezza, video-allarme antirapina conformi ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza.

Il presente bando si articola su due azioni:

Azione 1 - Certificazioni ambientali e sociali.

• Sistemi di gestione ambientale conformi alle norme UNI EN ISO 14001 e 13009 e al Regolamento “EMAS” (Regolamento CE n. 1221/2009/CE del 25 novembre 2009);

• Sistemi di gestione della responsabilità sociale secondo la norma “SA8000” e certificazione sociale Social Footprint Product (SFP);

• Marchi di qualità ecologica “ECOLABEL” (Regolamento C.E. n. 66/2010), EPD (Dichiarazione Ambientale di Prodotto - ISO/TR 14025:2000) e Remade in Italy accreditato presso Accredia;

•Effettuazione di analisi del ciclo di vita (LCA) per prodotti realizzati o commercializzai con conseguente certificazione secondo la norma UNI EN ISO 14040.

Azione 2 -Adeguamento di sistemi di sicurezza e video-allarme antirapina.

• Installazione di sistemi di video allarme antirapina in grado di interagire direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanza, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza, e che siano conformi al disciplinare tecnico di cui al Protocollo d’intesa siglato il 12 dicembre 2019 tra il Ministero e le Associazioni imprenditoriali di categoria;

• Sistemi di video-allarme antirapina a circuito chiuso, sistemi biometrici per l’accesso a locali protetti, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;

• Casseforti, blindature, sistemi antitaccheggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondamento;

• Sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito, contactiess e phone payment);

• Sistemi di sicurezza di rilevazione delle banconote false.

Risorse finanziarie. A chi si rivolge?

 

Singole imprese che, alla data di presentazione della domanda e fino alla concessione dell’aiuto, presentino i seguenti requisiti:

  • siano Micro o Piccole o Medie imprese come definite dall’Allegato 1 del regolamento UE n. 651/2014;
  • abbiano sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Ravenna; (le Ul dovranno risultare iscritte al Registro Imprese della Camera di commercio di Ravenna a far data da almeno 12 mesi prima della data di presentazione della domanda di contributo e saranno escluse le Ul classificate come magazzino o deposito);
  • siano attive e in regola con il pagamento del diritto annuale; nel caso in cui si riscontri un’irregolarità in merito al pagamento del diritto annuale, le imprese saranno invitate a regolarizzarsi ed a trasmettere apposita documentazione comprovante l’avvenuto pagamento del diritto annuale mancante entro e non oltre il termine di 10 giorni di calendario dalla ricezione della relativa richiesta, pena la non ammissibilità al contributo;
  • abbiano assolto gli obblighi contributivi e siano in regola con le normative sulla salute e sicurezza sul lavoro di cui al D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni e integrazioni;
  • non abbiano forniture in essere con la Camera di commercio di Ravenna ai sensi dell’art. 4, comma 6, del D.L. 95 del 6 luglio 2012, convertito nella L. 7 agosto 2012, n. 135;
  • non siano sottoposte a procedure concorsuali o liquidazione o si trovino in stato di difficoltà (ai sensi della Comunicazione della Commissione Europea 2004/C244/02).

Ammontare del contributo   

https://www.confcommercioprovinciaravenna.it/c073c5f7-6a10-4955-8dac-1e9cecab3f45" width="318" height="73" />

Premialità

Alle imprese in possesso del rating di legalità in corso di validità al momento della domanda e fino all’erogazione del contributo, e alle imprese giovanili o femminili verrà riconosciuta una premialità di euro 250,00 (non cumulabili) nel limite del 100% delle spese ammissibili e nel rispetto dei pertinenti massimali de minimis

Spese ammissibili       

Azione 1 - Certificazioni ambientali e sociali.

Sono ammesse le seguenti spese, al netto dell’IVA (bolli, spese bancarie, interessi ed ogni altra imposto e/o onere accessorio) sostenute a partire dai 15 mesi precedenti la data di partenza della validità della certificazione/marchio ottenuta e fino alla data di presentazione della domanda di contributo.

Dovranno risultare integralmente fatturate e pagate alla data di presentazione della domanda di contributo.

Non saranno ammesse spese connesse a rinnovi di certificazioni.

  • Spese di formazione del personale;
  • Spese di consulenza;
  • Spese per la certificazione, registrazione o relative al rilascio della concessione del marchio ecologico.

Azione 2 - Adeguamento di sistemi di sicurezza e video-allarme antirapina.

Sono ammesse le seguenti spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2021 e fino all’invio della domanda di contributo, integralmente fatturate e pagate.

  • Spese per installazione di sistemi di video allarme antirapina in grado di interagire direttamente con gli apparati in essere presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri o degli Istituti di Vigilanz, conformemente ai principi predisposti dal Garante per la protezione dei dati personali in materia di videosorveglianza, e che siao conformi al disciplinare tecnico dicui al Protocollo d’intesa siglato il 12 dicembre 2019 tra il Ministero e le Associazioni imprenditoriali di categoria;
  • Spese per installazione di sistemi di video-allarme antirapina a circuito chiuso, sistemi biometrici per l’accesso a locali protetti, sistemi antintrusione con allarme acustico e nebbiogeni;
  • Spese per installazione di casseforti, blindature, sistemi antitacchggio, inferriate, porte di sicurezza, serrande e vetri antisfondameto;
  • Spese per instrallazione di sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito, contactiess e phone paymet)
  • Spese per installazione sistemi di sicurezza di rilevazione delle banconote false.
  • Servizi di consulenza per riavviare e ripristinare strategie di comunicazione, promozione e commercializzazione.

Quando e come presentare la domanda     

A pena di esclusione, le richieste di contributo devono essere trasmesse esclusivamente  in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle ore 10:00 del 22/11/2021 e fino alle ore 19 del 14/02/2022 (i termini sono deliberati da Determinazione del Commissario straordinario con poteri di Giunta camerale  n. 70 del 25/10/2021). Oltre al modello base generato dal sistema vanno inseriti gli allegati obbligatori previsti dal bando.

Per provvedere all’invio della pratica telematica è necessario disporre all’interno della piattaforma Web Telemaco di un credito pari o superiore ad € 16,00, per poter assolvere in modo virtuale al pagamento dell’imposta di bollo. (vedi Guida alla compilazione della pratica telematica)

Criteri valutazione delle domande   

Ogni impresa può presentare una sola richiesta di contributo per ciascuna azione. In caso di eventuale presentazione di più domande è tenuta in considerazione solo la prima domanda presentata in ordine croonologico. Nel caso in cui le spese siano sostenute per più unità locali dislocate in provincia di Ravenna l’impresa dovrà presentare un’unica domanda rendicontando tutte le spese delle Unità locali.

Info

Ufficio Credito Confcommercio Ravenna 

dottor Fabrizio Barbaro 0544 515767

 

Metromappa dei Servizi

Europe, Rome

 

 


 


I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.